Exposition : “Vento dal Nord. Dipinti e stampe di artisti nordici in Italia, dal XV al XVII secolo”, Arezzo, Fondazione Ivan Bruschi, jusqu’au 15 septembre 2019

Con l’occasione della terza edizione del Summer Course dedicata al collezionismo di stampe nordiche presenti nelle collezioni Italiane e organizzata dalla Associazione Art in Tuscany Residence Study Center, la Fondazione Ivan Bruschi, sede del corso, vuole omaggiare la massiccia presenza di artisti stranieri nel nostro paese dal Rinascimento al Barocco con una mostra di opere a soggetto sacro e profano nelle belle sale espositive della Casa Museo dell’Antiquariato Ivan Bruschi di Arezzo a cura della Dott.ssa Alessandra Baroni Vannucci.
Gli autori sono pittori molto conosciuti, come Giovanni Stradano, Maerten de Vos, Paolo Fiammingo, Cornelis Bloemaert, Hans van Aachen, Albert Cuyp, ma anche autori più rari, come lo straordinario miniatore anonimo anglosassone del XVI secolo, che hanno lasciato un’impronta profonda nella cultura italiana, operando uno scambio continuo e prolifico di temi, stili e tecniche. Il percorso espositivo, articolato in 18 opere tra dipinti e stampe provenienti in gran parte dalla Collezione di Enrico Frascione Firenze, vuole dunque mostrare al pubblico la strepitosa qualità pittorica di soggetti inconsueti e ‘invenzioni’ ardite dai toni smaltati e brillanti come la straordinaria Età del ferro o Allegoria dell’Inverno di Paolo Fiammingo, o il rarissimo Nettuno di Wermer van der Velcker.

OpenEdition vous propose de citer ce billet de la manière suivante :
Fiammetta Campagnoli (3 septembre 2019). Exposition : “Vento dal Nord. Dipinti e stampe di artisti nordici in Italia, dal XV al XVII secolo”, Arezzo, Fondazione Ivan Bruschi, jusqu’au 15 septembre 2019. Collectif d'Historiens de l'Art de la Renaissance. Consulté le 19 juillet 2024 à l’adresse https://doi.org/10.58079/mo27


Fiammetta Campagnoli

Fiammetta Campagnoli est doctorante en histoire de l'art moderne à l'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ses recherches se concentrent sur la perception et sur la réception de la spatialité de l’image mariale au XVe et au XVIe siècle.

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search