Parution : Daniele Benati, Il Trecento riscoperto Gli affreschi della chiesa di Sant’Agostino a Rimini, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2019

Coperti alla fine del XVI secolo e riapparsi sotto uno strato d’intonaco in seguito al terremoto del 1916, gli affreschi della chiesa riminese nota come Sant’Agostino, ma dedicata a San Giovanni Evangelista, rappresentano una delle testimonianze più alte e precoci della cosiddetta scuola riminese del Trecento. A partire da tali testimonianze, che coniugano l’influenza di Giotto, attivo in città negli ultimi anni del XIII secolo, con l’ascendente di una più antica cultura adriatico-orientale di matrice bizantina, Rimini si configurò ben presto come un importante centro di produzione artistica, in grado di irradiare la sua influenza in un contesto geografico che, oltrepassando i confini locali, dalla Romagna si estese alle Marche e al Veneto.

Il volume, frutto di una meticolosa campagna fotografica che documenta nella loro interezza gli affreschi e di una duplice rilettura critica sotto il profilo sia storico-stilistico sia teologico-simbolico, costituisce un invito a conoscere e a contemplare, oggi, tutta la mirabile bellezza di quello che appare come un vero e proprio “Trecento riscoperto”.

Source



Citer ce billet
Fiammetta Campagnoli (2019, 11 décembre). Parution : Daniele Benati, Il Trecento riscoperto Gli affreschi della chiesa di Sant’Agostino a Rimini, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2019. Centre d'Histoire de l'Art de la Renaissance. Consulté le 18 avril 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/mo5k

Fiammetta Campagnoli

Fiammetta Campagnoli est doctorante en histoire de l'art moderne à l'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ses recherches se concentrent sur la perception et sur la réception de la spatialité de l’image mariale au XVe et au XVIe siècle.

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search