Parution : Pietro C. Marani, Il Cenacolo di Leonardo per il re Francesco I, Milan, Skira, 2019

Il volume presenta per la prima volta dopo il suo restauro la copia del Cenacolo di Leonardo realizzata ad arazzo fra il 1505 e il 1510 su commissione di Luisa di Savoia e di Francesco Duca d’Angouleme, poi re Francesco I di Francia. L’arazzo – un’opera monumentale di metri 6,5 x 9, conservata ai Musei Vaticani – è stato probabilmente tessuto nelle Fiandre da un artista lombardo, come Bramantino o Marco d’Oggiono, artisti noti per aver dipinto, già nel 1503, copie dell’affresco di Leonardo. L’arazzo rappresenta una delle primissime copie del capolavoro di Leonardo, realizzata per soddisfare le esigenze della corte francese che intendeva portare con sé l’immagine di un’opera che non poteva in alcun modo essere trasportata. Testimonianza della grande ammirazione dei re di Francia per il genio italiano, l’arazzo venne donato nel 1533 a Papa Clemente VII e fece così ritorno in Italia.

Dedicato a questo straordinario capolavoro (che non è mai uscito dai Musei Vaticani), questo libro mette inoltre in evidenza la relazione tra la corte di Luigi XII, il maestro italiano e i suoi discepoli, quali Andrea Solario, Andrea del Sarto e Bernadino de Conti. I saggi si concentrano anche sul viaggio e sul soggiorno di Leonardo da Vinci in Francia, documentati attraverso alcune copie dei suoi più famosi dipinti, stampe e acquerelli. Alcuni dei massimi specialisti di Leonardo e dell’arte dell’arazzo nel XVI-XVII secolo gettano una nuova luce sulla provenienza e sulla realizzazione di questo capolavoro, così come sul suo meticoloso restauro.

 

Pietro C. Marani, massimo esperto di Leonardo e codirettore del restauro del Cenacolo, insegna Storia dell’arte moderna al Politecnico di Milano.

Source


Vous aimerez aussi...