Exposition : « “Un Cinquecento inquieto”, la grande stagione di Conegliano », Palazzo Sarcinelli, Conegliano, du 1er mars au 8 juin.

IT-Vittorio-Veneto_Serravalle_Duomo_Francesco-da-Milano_AnnunciazioneGiovanni-Porcellato

La città veneta ripercorre l’eccezionale esperienza artistica e culturale del XVI secolo con un’esposizione a Palazzo Sarcinelli e un itinerario nel territorio. Tra i pittori in mostra Cima, il Pordenone, Palma il Vecchio. Ai dipinti si affiancano incisioni, documenti d’archivio e libri

La Mostra

La mostra, Un Cinquecento inquieto. Da Cima da Conegliano al rogo di Riccardo Perucolo  a cura di Gian Domenico Romanelli e Giorgio Fossaluzza, racconta, valorizza e promuove l’importanza della pittura del primo cinquecento coneglianese e degli immediati dintorni nella storia dell’arte italiana. Si trattò di un luogo e di un periodo particolarmente inquieto: Conegliano, centro di cultura, di incontri e convergenze, di personalità importanti e presenze “riformate”, luogo di dispute e tensioni religiose che influenzarono l’arte di chi vi soggiornò, alla quale questa mostra vuole ridare spazio e visibilità a livello nazionale ed internazionale.

Primo capitolo di un ciclo di tre mostre che si concluderà nel 2016, voluta dal Comune di Conegliano con la collaborazione di Civita Tre Venezie, la mostra vuole riprodurre il viaggio affascinante tra la dolcezza del paesaggio e il ricordo palpitante dell’avventura dell’eresia attraverso le sue opere d’arte, i dipinti di ufficiale e pubblica devozione e le opere più sommesse e private. Palazzo Sarcinelli ospita, oltre agli affreschi del palazzo realizzati da Riccardo Perucolo, circa 35 opere, di cui 25 in mostra (più oggetti, documenti, libri ed incisioni di Albrecht Dürer) e circa una decina distribuite tra Conegliano e dintorni. Un itinerario tematico che ha come fulcro Palazzo Sarcinelli, ma coinvolge l’intero territorio in una suggestiva scoperta della Marca trevigiana.

Tra i pittori, oltre a Cima, Francesco Beccaruzzi, Marco Basaiti, Ludovico Fiumicelli, Sebastiano Florigerio, Paris Bordon, Giovanni Antonio Pordenone, Francesco da Milano, Giovanni Agostino da Lodi, Antonio Solario, Andrea Previtali, Palma il Vecchio, Giovanni e Bernardino da Asola, Girolamo Denti, Giampietro Silvio, Pomponio Amalteo, Riccardo Perucolo.

Gli Itinerari

Conegliano nel cinquecento vive un’eccezionale esperienza intellettuale, la città e i suoi dintorni, diviene centro di interessi culturali e testimonianze artistiche e letterarie di grande ricchezza, luogo di incontri e convergenze dei protagonisti della storia dell’arte: da Cima a Pordenone, da Lotto a Tiziano.
L’itinerario di Un Cinquecento inquieto. Da Cima da Conegliano al rogo di Riccardo Perucolo vede Palazzo Sarcinelli come inizio di un percorso che abbandonata la dimensione urbana prosegue nel suo territorio, 25 opere che fanno parte del progetto espositivo, ma che sono intrasportabili, possono essere ammirate in un inedito percorso tra Conegliano e dintorni, 10 tappe segnalate in loco, permetteranno ai visitatori di riscoprire la storia e l’arte di quel tempo, lungo una viaggio ideale che parte simbolicamente dal centro storico di Conegliano.
Un affascinante itinerario, che si snoda dai fregi di Palazzo Sarcinelli alla splendida facciata di Ludovico Fiumicelli del Monte di Pietà, dai capolavori del Duomo all’emozionante Scuola dei Battuti di Francesco da Milano, lungo la Strada Granda, dove accompagnati dagli affreschi dei portici e dei palazzi si sale al Castello per una strada molto particolare, a ridosso delle mura carraresi tardo trecentesche della città, che su quel lato sono singolarmente ben conservate, passando per la Chiesina della Madonna della Neve.
Lasciata Conegliano, dirigendosi verso Campolongo, Susegana, Il Castello di San Salvatore, Moriago della Battaglia, Valdobbiadene e attraverso la bellissima vallata di Follina si procede verso Vittorio Veneto densa di storia e di capolavori, dove incontriamo Tiziano, poi, passando da Castello di Roganzuolo e San Fior si torna a Conegliano.

Palazzo Sarcinelli

Palazzo Sarcinelli è uno dei palazzi più signorili e caratteristici del centro storico, uno dei migliori esempi del periodo rinascimentale a Conegliano.
Costruito nel 1518 dai nobili Sarcinelli da Ceneda, nella storia ha ospitato molti personaggi illustri, alcuni dei quali raffigurati, secondo lo storico Adolfo Vital, nelle tele del salone di ricevimento, al piano nobile: Tommaso da Gaeta, generale dei Domenicani; Bona, regina di Polonia, che sostò nel palazzo nel 1556; Massimiliano, arciduca d’Austria; Enrico III, re di Francia, presente a Conegliano nel 1574. 
 Il palazzo è una lussuosa residenza costruita dai figli del nobile Antonio Sarcinelli di Ceneda, grazie al salvacondotto perpetuo ottenuto dal Consiglio dei Dieci di Venezia nel 1512, per la fedeltà e il valore dimostrato nelle battaglie contro gli imperiali della lega di Cambrai. Tale concessione permise loro di insediarsi a Conegliano liberandosi dalla persecuzione del patriarca Marino che li aveva persino incarcerati, per odio di casato, nell’isola di Cherso.
La struttura architettonica, di linee rinascimentali, è semplice ma imponente, caratterizzata essenzialmente da cinque alte arcate a tutto sesto, sostenute da colonne ornate con delle teste in rilievo, e da un’ariosa quadrifora affiancata da due monofore per lato, che « illuminano » il salone di ricevimento; quest’ultimo è decorato con chartouces di stucco raffiguranti dei guerrieri. L’entrata del palazzo è arricchito da un portale marmoreo, probabile reperto recuperato da una chiesa distrutta, che permette l’accesso ad un arioso porticato.
Già sede della Biblioteca Civica e dal 1988 Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Sarcinelli è un importante punto di riferimento in Italia per le esposizioni d’arte moderna e contemporanea nazionale ed internazionale.
Negli anni 2008-2009 è stato oggetto di un importante intervento di restauro, che ha dotato la Galleria di impianti di climatizzazione idonei ad ospitare opere su tela e su tavola di notevole pregio storico artistico.
Palazzo Sarcinelli, inserito nella centrale e storica via XX Settembre, è Galleria d’Arte dal 1988 e venne inaugurata con una mostra sugli incisori trevigiani del Novecento nel maggio-giugno dello stesso anno. 
Notevole è l’interesse suscitato nel pubblico italiano ed internazionale dalle oltre 120 esposizioni che si sono tenute negli anni, sotto la direzione artistica di figure di spicco del panorama culturale italiano quali, per citarne alcune, Marco Goldin, Vittorio Sgarbi, Philippe Daverio, Giovanni Carlo Federico Villa.
Tra le recenti esperienze più felici si citano le esposizioni Da Corot a Monet. Opere impressioniste e post-impressioniste dalla Johannesurg Art Gallery, Da Ca’ Pesaro a Morandi. Arte in Italia 1919-1945 dalle collezioni private,  Mario Sironi. Gli anni della Solitudine, 1940-1960 e la recente mostra Cima da Conegliano. Poeta del paesaggio, che nel 2010 ha registrato oltre 110 mila visitatori, e Bernardo Bellotto. Il Canaletto delle Corti europee che ha registrato nel 2012 oltre 56 mila visitatori. 
 
Grazie all’accordo con Civita Tre Venezie, Palazzo Sarcinelli si appresta a rivivere una stagione di grandi eventi espositivi. Il programma triennale di mostre, che si apre il 1 marzo 2014, presenta Un Cinquecento inquieto. Da Cima da Conegliano al rogo di Riccardo Perucolo. Una mostra che coinvolge il territorio ed il visitatore in una nuova formula, che lo porterà alla scoperta di Conegliano e dintorni in un itinerario tematico che ha come fulcro Palazzo Sarcinelli.

Informations :
Palazzo Sarcinelli
Via XX Settembre,
132
31015 Conegliano (TV)

Du lundi au dimanche 9.00-19.00
Vendredi 9.00-21.00
Fermé le mardi

Légende de l’image :
Francesco da Milano, Annonciation, Vittorio Veneto, Duomo di Santa Maria Nova di Serravalle.

Sources :
http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/eventi/_Un_Cinquecento_inquieto___la_grande_stagione_di_Conegliano.html?language=it
http://www.uncinquecentoinquieto.it


Marie Piccoli-Wentzo

Marie Piccoli-Wentzo est doctorante en histoire de l'art moderne à l'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ses recherches portent sur l'image du désert dans l'art italien de la fin de l'époque médiévale et du début des temps modernes (XIVe-XVIe siècle).

Vous aimerez aussi...