Exposition : « Et in Arcadia ego di Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino », Ferrare, Pinacoteca Nazionale, jusqu’au 17 janvier 2021

La mostra dedicata al dipinto Et in Arcadia ego di Giovanni Francesco Barbieri, detto il Guercino (Cento, 1591 – Bologna, 1666), costituisce il secondo appuntamento del ciclo di mostre dossier Guardami! Sono una storia…, realizzate grazie alla collaborazione tra le Gallerie Estensi e il Laboratorio DiDiArt del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara.

Il dipinto, proveniente dalle Gallerie Nazionali di Arte Antica Barberini Corsini di Roma, venne probabilmente realizzato tra il 1618 ed il 1622, anni in cui il giovane Guercino entrò in contatto con la pittura veneta ed emiliana che ne influenzarono profondamente lo stile.

Il quadro mostra due giovani pastori mentre osservano un elemento insolito: un teschio umano. È proprio quest’ultimo, appoggiato su un muro rovinato dal tempo, che pare rivolgersi a loro pronunciando le parole incise sulla pietra: Et in Arcadia ego, frase latina che si può tradurre con Anche in Arcadia io (sono). Con quest’opera l’Arcadia, mitica regione dell’Antica Grecia, ritenuta luogo campestre e spensierato, simbolo della felice prima età del genere umano, sembra entrare a far parte del dominio della Morte. L’opera diviene così un “memento mori” in cui l’artista accosta la giovinezza e la beatitudine dei pastori al destino inevitabile di morte che ci  accomuna tutti, creando un’atmosfera di riflessione e raccoglimento, poetica e profondamente suggestiva.

 

Source


Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search