Colloque international : « Venere. Natura Ombra Bellezza », en ligne, le 16 avril 2021

Convegno internazionale di studi
dedicato ai diversi aspetti della divinità archetipica
dall’antichità alla modernità

a cura di Claudia Cieri Via

 

Nell’ambito delle manifestazioni dedicate al mito di Venere progettate da Fondazione Palazzo Te per il 2021, questo convegno, con relatori di fama internazionale, intende ragionare intorno a questa divinità archetipica, mettendone a fuoco i diversi aspetti: dalle origini classiche del mito alle sopravvivenze nella cultura, nella letteratura mitografica e poetica e nelle immagini fino al primo Seicento.

Venere, divinità legata alla fecondità naturale e dunque, come Venere Pandemos, generatrice di tutte le cose, esercita la sua influenza astrale nei mesi primaverili, come indica una delle sue case zodiacali, il toro, nel mese di aprile.

Una delle più emblematiche forme di espressione artistica si può considerare la Venere di Cnido scolpita da Prassitele, la cui nudità assume un significato eticamente positivo: Nuda stat Veritas. Venere è anche espressione dell’amore divino, la Venere Urania, figlia di Ouranos, è senza madre, priva di materia dunque, secondo la tradizione platonica e le sue sopravvivenze fino al Cinquecento.

Venere è protagonista di favole e presta le sue sembianze anche ad altre figure del mito antico, dando luogo a travestimenti e a interpretazioni complesse, che animano la letteratura e l’arte rinascimentale e barocca.

Ma Venere, madre di Cupido nella mitologia antica, è anche soggetta alla variabilità delle occasioni declinando il suo potere in termini ora naturalistici ora erotici, come nel caso dell’arazzo tessuto a Mantova su disegno di Giulio Romano, ma anche in quegli altri aspetti di Venere legati all’inganno, alla magia e alla stregoneria che troveranno espressione nella letteratura e nelle immagini fino al Cinquecento e al Seicento.

Venere è indiscutibilmente la dea della bellezza secondo il Giudizio di Paride e dunque è divenuta il modello ideale della bellezza femminile, come testimoniano le stanze delle famose Veneri, dove venivano collezionati i ritratti delle donne più belle delle corti italiane ed europee che si confrontavano con la divinità, a partire dall’esplosione del fenomeno del collezionismo alla fine del Cinquecento e nel Seicento, come testimonia, fra gli altri il “camerino delle belle” nel Palazzo ducale a Mantova.

Programma
9.30 Introduzione

Stefano Baia Curioni – Direttore Fondazione Palazzo Te
Claudia Cieri Via – Sapienza Università di Roma

Chair: Andrea Torre

10.00 Roberto Nicolai – Sapienza Università di Roma
Gli archetipi omerici dell’immagine di Afrodite/Venere

10.30 Claudia Cieri Via – Sapienza Università di Roma
Una donzella non con uman volto/ Da’ zefiri lascivi spinta a proda”. Venere e la sopravvivenza dell’antico nell’età moderna

11.00 Giuseppe Capriotti – Università di Macerata
Di Venere la face è tanto ardente”. Immagini della dea dell’amore nelle volgarizzazioni illustrate delle Metamorfosi di Ovidio

11.30-12.00 Pausa

Chair: Francesca Cappelletti

12.00 Philippe Morel – Université Paris I Panthéon-Sorbonne
Venere e Bacco come esaltazione della voluptas nella pittura europea tra Cinque e Seicento

12.30 Massimiliano Simone
La camaleontica Venere «presa al laccio». Peccatrice vs mondana; metamorfica vs allegorica.

Pausa 13.00 – 14.30

Chair: Christina Strunck

14.30 Emilio Russo – Sapienza Università di Roma
Venere nella letteratura del Seicento

15.00 Francesca Cappelletti – Direttrice Galleria Borghese Roma
I Camerini delle Belle 

15.30 Stefano L’Occaso – Direttore Palazzo Ducale Mantova
L’arazzo di Giulio Romano con ‘Venere e puttini’ dalle collezioni dei Gonzaga

16.00- 17.00 Dibattito coordinato da Stefano Baia Curioni, Francesca Cappelletti, Claudia Cieri Via, Christina Strunck, Andrea Torre

 

Zoom Webinar gratuito. Per iscrizioni: ZOOM

Source



Citer ce billet
Juliette Brack (2021, 10 avril). Colloque international : « Venere. Natura Ombra Bellezza », en ligne, le 16 avril 2021. Centre d'Histoire de l'Art de la Renaissance. Consulté le 19 avril 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/mojg

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search