Colloque : « Michelangelo. Arte-Materia-Lavoro », Kunsthistorisches Institut – Max-Planck Institut, Florence, 9-11 octobre 2014

Michelangelo. Arte-Materia-Lavoro (Firenze, 9-11 Oct 14)

Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut, October 9-11, 2014

 

Michel-Ange Buonarroti, Projet de 1513 pour le Tombeau de Jules II, plume et encre brune, esquisse à la pierre noire, lavis d’encre brune, New York, The Metropolitan of Art, Rogers Fund (source : Image re-vues)

Michelangelo. Arte – Materia – Lavoro
Convegno

a cura di Alessandro Nova e Vitale Zanchettin

Essere artista fu per Michelangelo un’attività contemporaneamente fisica e intellettuale. Nella sua intera produzione idea e realizzazione costituiscono due dimensioni in costante dialogo, che si manifesta nel rapporto diretto con la materia e nella volontà di dominare personalmente le sue trasformazioni. Il processo concreto di lavorazione quindi condiziona e determina l’opera realizzata tanto quanto l’idea iniziale, anzi è parte sostanziale del processo ideativo e l’endemica tendenza a modificare le proprie idee in fase di realizzazione ne è la conferma.

La continua revisione delle posizioni delle figure nei blocchi di marmo, le variazioni in corso d’opera dei suoi progetti architettonici, ma anche la sovrapposizione di innumerevoli soluzioni in un singolo foglio nei suoi disegni o nelle superfici affrescate e in ultima istanza anche l’ossessiva revisione delle rime, non sono semplicemente manifestazioni esteriori di uno spirito mai soddisfatto dei risultati raggiunti, ma la dimostrazione di una capacità straordinaria di lasciarsi influenzare dall’opera in corso di realizzazione. Il processo di trasformazione della materia, in altre parole il lavoro, rappresenta quindi per Michelangelo una fonte ispiratrice. Possiamo cioè leggere l’opera, in particolare quella non finita, come un’immagine istantanea di quel processo.

Nei grandi artisti del Cinquecento l’ideazione artistica risulta sempre accompagnata da straordinarie capacità di realizzazione e di revisione in corso d’opera, ma nel caso di Michelangelo le capacità di azione diretta sulla materia appaiono del tutto straordinarie, anche in un panorama costellato da figure di eccezionale levatura artistica e intellettuale.

A partire da una riflessione sulla materia e sul lavoro artistico il convegno intende proporre una serie di interventi dedicati ai modi in cui il processo di lavorazione condiziona e determina le forme dell’opera realizzata. Il sodalizio sostanziale tra mano e intelletto fornisce quindi una base per riflettere su questioni di stringente attualità, in un tempo, il nostro, che sembra aver sancito un distacco netto tra mondo della produzione materiale dell’opera e il mondo delle idee.

PROGRAMMA

Giovedì, 9 ottobre 2014

14.30
Saluti e presentazioni
Alessandro Nova e Vitale Zanchettin

Presiede
Vitale Zanchettin

14.45
Alessandro Nova
Per « honore et utile »: etica del lavoro nel carteggio di Michelangelo

15.15
Francesco Caglioti
Su Michelangelo scultore, allievo di Benedetto da Maiano

16.00
Lorenzo Lazzarini
Il marmo di Carrara, materia prima di Michelangelo

16.45 pausa

17.00
Nazzareno Gabrielli
Materia e colore nella cappella Sistina

19.00
Visita con Peter Rockwell ai marmi dell’Accademia (solo per i relatori)

Venerdì, 10 ottobre 2014

Presiede Pina Ragionieri

9.30
Golo Maurer
Costruire per poter costruire. Calcoli e progetti per la casa in via Mozza

10.15
Alessandro Brodini
La carta, la terra e la pietra. Materia e lavoro in alcune architetture romane di Michelangelo

11.00 pausa

11.15
Martin Raspe
La contabilità della pietra: un nuovo strumento per lo studio delle costruzioni lapidee

12.00
Mauro Mussolin
Profondità della carta, sovrapposizione di segni. Nuove letture su alcuni « schizzi indecifrabili » di Casa Buonarroti

Presiede
Caroline Elam

14.30
Vitale Zanchettin
La prima fase di costruzione della Sacrestia Nuova

15.15
Sandra Sansone
L’architettura delle tombe nella Sacrestia Nuova. Concezione e costruzione

16.00 pausa

16.15
Dario Donetti
Modelli, produzione, variazioni. L’organizzazione del lavoro nel cantiere della Sacrestia Nuova

17.00
Claudia Echinger-Maurach
« E si rinasce tal concetto bello »: Michelangelo e la genesi delle sculture per la Sacrestia Nuova

19.00
Visita alla Sacrestia Nuova (solo per i relatori)

Sabato, 11 ottobre 2014

Presiede Cammy Brothers

9.30
Gunnar Schulz
Biblioteca Laurenziana – Entwurfsprozess im Detail. Skizze, Zeichnung, Realisierung

10.15
Georg Satzinger
Luce e materia nelle architetture di Michelangelo

11.00
Francesca Salatin
La cappella Sforza prima della morte di Michelangelo. Nuove ipotesi sui tempi della costruzione

11.45 pausa

12.00
Matteo Burioni
Michelangelo architetto: l’opera della mano tra tecnica e arte

12.45
Anna Bedon
Michelangelo e Tommaso dei Cavalieri. Un rapporto professionale

Alle discussioni parteciperanno:
Mario Piana, Peter Rockwell e Adriano Zecchina

Il convegno è aperto al pubblico; i posti sono limitati.

Contatti
Mandy Richter
richter@khi.fi.it

Vitale Zanchettin
vitale@iuav.it

Luogo della manifestazione
Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut
Palazzo Grifoni Budini Gattai
Via dei Servi 51
I – 50122 Firenze

 

Image : Michelangelo Buonarroti, Projet de 1513 pour le Tombeau de Jules II, plume et encre brune, esquisse à la pierre noire, lavis d’encre brune, New York, The Metropolitan of Art, Rogers Fund (1962, n° 62.93.1). Source : Images re-vues


Vous aimerez aussi...