Exposition : Acqua, terra, fuoco : Architettura industriale nel Veneto del Rinascimento, Vicenza, Palladio Museum, jusqu’au 12 mars 2023

L’epoca di Palladio coincide con un periodo di grande innovazione nel Veneto, non solo in architettura ma in ogni settore dell’economia. Studi storici recenti hanno evidenziato che a Vicenza si produce la più pregiata seta d’Europa grazie alla capacità imprenditoriale degli stessi committenti di Palladio. Ma questo boom industriale investe un ambiente produttivo e creativo più ampio: accanto a mulini da macina e da seta, la mostra presenta al pubblico lanifici, segherie, cartiere, concerie, fucine, forni da calce, miniere e impianti per la frantumazione della pietra.

Di pari passo, si registra un aumento vertiginoso di richieste di brevetto al Senato veneziano per nuove invenzioni meccaniche. Solo con la rivoluzione industriale di fine Settecento si giungerà a una situazione paragonabile. Gli inventori non sono solo veneti ma giungono da altre parti d’Italia e da oltralpe, a testimoniare gli intensi scambi internazionali di conoscenze tecnologiche con la Serenissima.

Le invenzioni di per sé non bastano, ma il Veneto dispone di un altro elemento fondamentale: le risorse naturali. La presenza di una linea di risorgive lungo tutte le Prealpi, da Brescia a Udine, offre il contesto ideale per i nuovi insediamenti industriali: l’acqua sorgiva, infatti, ha un flusso e una temperatura costanti nei diversi momenti dell’anno, che la rendono sfruttabile senza interruzioni.

Questa mostra ripercorre l’espansione in campagna delle manifatture che prima erano confinate entro le mura delle città. All’interno di un allestimento dinamico e coinvolgente, presenta una serie di siti emblematici attraverso bellissimi dipinti, modelli, mappe, disegni, libri antichi, filmati.

La mostra offre inoltre il pretesto per estendere la riflessione ai giorni nostri, ricordando in particolare:

  • l’importanza del patrimonio proto-industriale della regione;
  • l’efficacia dell’impiego di materiali da costruzione locali, tradizionali e a buon mercato;
  • le potenzialità dell’energia pulita e rinnovabile;
  • il ruolo che ancora oggi il Veneto riveste come centro d’innovazione.

Source


Fiammetta Campagnoli

Fiammetta Campagnoli est doctorante en histoire de l'art moderne à l'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ses recherches se concentrent sur la perception et sur la réception de la spatialité de l’image mariale au XVe et au XVIe siècle.

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search