Exposition : “Ceruti mai visto”, Gandino, Museo della Basilica, jusqu’au 10 septembre 2023

Il restauro di sei dipinti.
Un ritratto ritrovato.
Documenti mai esposti.
Nuovi percorsi di ricerca.

Nel fiorire di mostre bresciane, almeno sei, dedicate al pittore Giacomo Ceruti detto il Pitocchetto nell’anno della Capitale della Cultura, si inserisce una mostra tutta inedita, concepita a Gandino (Bergamo) dove la strepitosa Basilica di Santa Maria Assunta custodisce il più interessante ciclo sacro eseguito da Ceruti nella sua carriera.

Promossa e realizzata dalla Parrocchia di Gandino e dal Gruppo Amici del Museo della Basilica, con il sostegno di Fondazione Credito Bergamasco, la proposta espositiva era nata inizialmente come sezione sul territorio della mostra bresciana Ceruti Sacro e la pittura a Brescia tra Ricci e Tiepolo, ma ha poi preso una strada inaspettata, grazie a restauri e riscoperte che sono destinati ad aprire nuovi filoni di ricerca sulla produzione del pittore.
La mostra è curata dal rettore del Museo della Basilica, Francesco Rizzoni, con il contributo di due studiosi della pittura di Ceruti, Francesco Nezosi e Filippo Piazza.

Si comincia dal capitolo mai indagato all’interno della “Bibbia” dipinta dal Pitocchetto nella Basilica di Gandino. Nel settembre del 1733, Ceruti fugge da Brescia: braccato dai creditori per via di sfortunati investimenti, si rifugia nel territorio bergamasco, prima a Gorlago e poi a Gandino dove soggiorna fino al 1735, quando viene chiamato a Venezia al servizio del feldmaresciallo Johann Matthias von der Schulenburg.

Il ciclo gandinese è celebre ma, mentre i grandi teleri e la serie dei Profeti sono state negli anni oggetto di attenzioni conservative e di studio, la stessa sorte non era toccata alla galleria di Santi che Ceruti ha incastonato nelle due cappelle che affiancano il presbiterio, complice la loro vertiginosa ubicazione a circa 13 metri di altezza: San Ponziano papa in gloria e due ovali con San Quirino e San Valentino; San Pietro in gloria con due ovali con il Pentimento di San Pietro e San Pietro liberato dal carcere.

Rimosse oggi per la prima volta dalla loro collocazione originale, le sei tele sono state esaminate da vicino e sottoposte a un restauro, eseguito da Antonio Zaccaria e sostenuto da Fondazione Credito Bergamasco, affiancato da una campagna di indagini scientifiche condotta da Vincenzo Gheroldi. Trovandosi di fronte a un rarissimo caso di dipinti “mai toccati”, che conservano tutti gli elementi originali, l’intervento conservativo si è cimentato con il delicatissimo compito di risolvere gli elementi di degrado lasciando inalterati tutti i materiali costitutivi che, ad oggi, costituiscono un vero e proprio giacimento di informazioni per aprire allo studio della tecnica esecutiva di Ceruti: dai telai lignei sagomati e curvati, piccoli capolavori di carpenteria lignea, alla tecnica utilizzata dal Pitocchetto per simulare la pittura murale, fino alle decine di impronte digitali lasciate dall’artista sulla pittura ancora fresca.

Tutti questi dettagli si possono apprezzare in mostra, a tu per con le sei tele mai viste da vicino e in particolare con le due grandi tele raffiguranti San Ponziano papa e San Pietro in gloria, eccezionalmente visibili anche sul retro.
Per la prima volta saranno esposti al pubblico documenti originali custoditi nell’Archivio parrocchiale di Gandino, tra cui i registri che contengono i pagamenti a Ceruti che, insieme alla riproduzione del contratto da lui stipulato con i Reggenti della Basilica (custodito all’Archivio di Stato di Bergamo), consentono di ricostruire le fasi del suo soggiorno gandinese.

Novità assolute anche sul fronte dei protagonisti dell’”avventura” di Ceruti a Gandino. In mostra è presentato non solo il bel ritratto di Francesco Marinelli, vicario a Gandino durante la permanenza di Ceruti, ma anche il ritratto del notaio che predispose il contratto per le opere gandinesi, Silvestro Ponziano Patirani. L’opera, di cui fino ad oggi era ignota la collocazione, viene per la prima volta esposta in pubblico e si può annoverare tra i migliori ritratti eseguiti dal maestro milanese prima di partire alla volta di Venezia.

A richiamare lo straordinario patrimonio che racconta la grande tradizione tessile di Gandino, è stata selezionata una pianeta che si accosta a quella riprodotta sulla tela che raffigura San Valentino.Dalle sale del Museo la mostra prosegue idealmente all’interno della Basilica di Santa Maria Assunta dove si ammirano più di 30 opere di Giacomo Ceruti, tra tele e affreschi.

La pubblicazione Ceruti a Gandino, a cura di Francesco Nezosi e Filippo Piazza, che sarà presentata il prossimo autunno, raccoglierà e approfondirà le novità emerse dal progetto, proponendo anche agli studiosi nuove prospettive di ricerca sull’opera di Giacomo Ceruti.

 

Source



Citer ce billet
Fiammetta Campagnoli (2023, 9 août). Exposition : “Ceruti mai visto”, Gandino, Museo della Basilica, jusqu’au 10 septembre 2023. Collectif d'Historiens de l'Art de la Renaissance. Consulté le 16 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/mp93

Fiammetta Campagnoli

Fiammetta Campagnoli est doctorante en histoire de l'art moderne à l'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ses recherches se concentrent sur la perception et sur la réception de la spatialité de l’image mariale au XVe et au XVIe siècle.

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search