Présentation : Tania De Nile, « Fantasmagorie. Streghe, demoni e tentazioni nell’arte fiamminga e olandese del Seicento », Rome, Accademia Nazionale di San Luca, 14 mai, 17h30

Il volume Fantasmagorie propone un suggestivo percorso attraverso centinaia di opere visionarie che raccontano genesi, evoluzione e ragioni di un universo magico che da oltre cinque secoli non smette di sedurci. È l’universo che d’istinto associamo al solo Jheronimus Bosch, ignorandone la ben più complessa geografia punteggiata di nomi meno noti, talvolta in grado di rivaleggiare con l’ingombrante precursore e qui protagonisti di una inedita veduta d’insieme.

Nelle fonti neerlandesi del Seicento erano definite spoockerijen (da spoock, “fantasma”) le declinazioni irreali e illusorie del demoniaco, ovvero Stregonerie, Inferni e Tentazioni di sant’Antonio, che nei Paesi Bassi del nord costituivano una specifica categoria tematica della coeva cultura figurativa e del mercato dell’arte. A partire dai modelli messi in circolazione nelle Fiandre da Bosch e da Pieter Bruegel tra Quattro e Cinquecento, il libro esplora la produzione fantasmagorica dei pittori fiamminghi e olandesi delle generazioni successive, concentrandosi in particolare sulle interazioni e le contaminazioni determinate dall’incontro con la cultura italiana nella produzione di artisti nordici attivi a Firenze, a Roma e a Napoli, come Jan Brueghel il Vecchio, Jacob van Swanenburg e Domenicus van Wijnen.

Il quadro che emerge dal confronto tra dipinti, disegni e stampe sorprende per varietà e sfumature, e nel contempo illustra la fitta trama di relazioni che collega letteratura onirica, trattati demonologici, scritti sulle streghe e teorie su immaginazione e fantasia.

Tania De Nile lavora presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è docente di Dutch and Flemish Art all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. Dopo aver conseguito il dottorato in Storia dell’Arte presso la Sapienza Università di Roma, in cotutela con l’Università di Leiden, è stata ricercatrice post-doc e docente presso l’Università della Calabria e l’Università Roma Tre. Specialista di pittura fiamminga e olandese, è autrice di numerosi contributi che vertono sui rapporti tra Paesi Bassi e Italia, e in particolare su opere di soggetto diabolico-stregonesco, sulla comunità dei Bentvueghels a Roma e sugli artisti nordici nel Meridione. 

 

Informazioni :

Introduce
Carolina Brook

Intervengono
Giovanna Capitelli 
Ricardo De Mambro Santos 
Raffaella Morselli

Sarà presente l’autrice del volume

Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili.

Source



Citer ce billet
Juliette Brack (2024, 13 mai). Présentation : Tania De Nile, « Fantasmagorie. Streghe, demoni e tentazioni nell’arte fiamminga e olandese del Seicento », Rome, Accademia Nazionale di San Luca, 14 mai, 17h30. Collectif d'Historiens de l'Art de la Renaissance. Consulté le 16 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/11nwq

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search