Colloque : « Ghiberti teorico. Natura, arte e coscienza storica nel Quattrocento », Kunsthistorisches Institut in Florenz, du 30 novembre au 2 décembre 2017

La produzione di Lorenzo Ghiberti, orafo e scultore, e l’organizzazione della sua bottega sono tornate in anni recenti al centro degli studi storico-artistici sul Quattrocento italiano, anche alla luce dei risultati degli ultimi importanti restauri. Tuttavia, la sua produzione teorica ha conosciuto una diversa fortuna: ciò è valido soprattutto per i Commentarii, dal significato e dal valore indiscutibili per il genere della letteratura artistica nella prima età moderna.

Vent’anni dopo la riedizione critica dei Commentarii di Lorenzo Bartoli (1998), a quasi trent’anni dall’edizione del Terzo commentario (1988) di Klaus Bergdolt, e a quattro decenni dell’ultimo convegno di largo respiro dedicato a Ghiberti (1978) il potenziale dei suoi scritti merita di essere riaffrontato nel dettaglio, per restituirlo al dialogo con la teoria fusa e messa in pratica delle sue opere, la cui portata appare oggi più chiara. Il convegno mira a un’indagine di ampio spettro delle problematiche inerenti, in particolare, agli aspetti letterari, teoretici, metodologici e di storia della disciplina. Si intendono affrontare, per esempio, i riferimenti alla filosofia naturale o all’ottica contenuti nei Commentarii, o in altri scritti del Quattrocento paragonabili; la concezione storiografica e storico-artistica del Ghiberti; il contesto e la rete della sua attività letteraria; le istanze teoriche riscontrabili nella sua opera; e, infine, la ricezione delle sue idee all’interno della teoria artistica successiva.

Convegno organizzato da Fabian Jonietz, Wolf-Dietrich Löhr e Alessandro Nova.

Con contributi di Alberto Ambrosini, Stefano Ugo Baldassarri, Lorenzo Bartoli, Johannes Bartuschat, Oskar Bätschmann, Amy R. Bloch, Robert S. Brennan, Doris Carl, Lynn Catterson, Marco Collareta, Margaret Daly Davis, Aldo Galli, Jim Harris, Marion Heisterberg, Christiane J. Hessler, Berthold Hub, Christopher Lakey, Claudia Reufer, Daniele Rivoletti, Neville Rowley, Barbara Steindl e Gerhard Wolf.

 


Kunsthistorisches Institut in Florenz
Max-Planck-Institut
Palazzo Grifoni Budini Gattai
Via dei Servi 51
50122 Florence

Vous aimerez aussi...