Parution : Alessandro Arcangeli, « L’altro che danza », Edizioni Unicopli, 2018

L’altro che danza
Il villano, il selvaggio, la strega nell’immaginario della prima età moderna  

Autore

Alessandro Arcangeli insegna storia moderna all’Università di Verona. Si occupa di storia culturale, anche dal punto di vista metodologico, storiografico e organizzativo (partecipando all’attività di associazioni scientifiche). Ha dedicato precedenti monografie al dibattito sulla danza (Davide o Salomè?, 2000) e al concetto di divertimento (Recreation in the Renaissance, 2003; Passatempi rinascimentali, 2004) nella prima età moderna, come pure alla storia culturale in quanto genere di studi (Che cos’è la storia culturale, 2007; Cultural HistoryA Concise Introduction, 2012).

Opera

Balla il villano, balla il selvaggio, balla la strega (certo, non solo loro): ma come ballano? E il fatto di danzare è un elemento caratteristico, distintivo di queste tre figure dell’immaginario europeo in un’epoca di cambiamenti demografici, scoperte e persecuzioni? E incide anche sull’idea di danza che circola nella prima età moderna? Quali premesse e tradizioni culturali influenzavano la maniera in cui gli europei costruiscono questi stereotipi, le modalità in cui si rapportavano con tali soggetti sociali (dato che contadini, nativi e praticanti d’arti magiche esistevano anche al di fuori della sfera delle rappresentazioni)? Questo saggio prova a indagarlo.

Source

 



Citer ce billet
Lola Wolf (2018, 12 décembre). Parution : Alessandro Arcangeli, « L’altro che danza », Edizioni Unicopli, 2018. Centre d'Histoire de l'Art de la Renaissance. Consulté le 19 avril 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/mnxa

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search