Étiqueté : Cinquecento

Parution : Dario Donetti, « Francesco da Sangallo e l’identità dell’architettura toscana », Milan, Officina Libraria, 2020

Questa monografia presenta, per la prima volta nella sua interezza, la lunga e diversificata attività di Francesco da Sangallo (1494-1576), ultimo erede di una famiglia di artisti protagonisti del Rinascimento italiano. Lui stesso fu presenza duratura nella Firenze del Cinquecento e testimone privilegiato dell’ambiente intellettuale cittadino, coltivando frequentazioni che includevano, tra gli altri, Michelangelo Buonarroti, Benedetto Varchi, Giorgio Vasari, Vincenzio Borghini. Dalla sua poliedrica produzione – di scultore, già nota agli studi, ma anche architetto...

Parution : Valentina Hristova, « Le Sacrifice du Christ Peinture, société et politique en Italie centrale, entre Renaissance et Réforme », Milan, Officina Libraria, 2020

Tra la fine del XV secolo e la metà del XVI secolo Firenze e Roma vedono fiorire una moltitudine di pitture sul tema del Cristo morto. Da Botticelli a Vasari, passando per i capolavori di Raffaello e Pontormo, queste magnifiche scene di compianto rimangono incomprese. Dove erano state viste? Chi erano stati i promotori? Più in generale, in che modo la rinascita di questi temi nell’Italia centrale può rivelarsi utile per chiarire un momento importante...

Parution : Chiara Franceschini, Steven Ostrow et Patrizia Tosini « Chapels of the Cinquecento and Seicento in the Churches of Rome », Milan, Officina Libraria, 2020

Fin dal primo Rinascimento le cappelle delle chiese di Roma furono decorate con ricchi corredi. Ma fu nel Cinquecento e nel Seicento che le cappelle diventarono gli spazi dove le grandi famiglie patrizie e l’alta borghesia romana poterono dimostrare il proprio prestigio sociale. Nella ricchezza degli apparati trionfò l’autorappresentazione di compagnie, casate e grandi uomini. Spesso le cappelle venivano concepite come parti di un sistema più complesso, allargato alla navata e alle altre cappelle, in...

Séminaire international : « Il cantiere nel Cinquecento : architettura e decorazione, I. Roma », Rome, 25-27 novembre 2019

Il cantiere nel Cinquecento : architettura e decorazione. I. Roma Seminario internazionale di studi a cura di Silvia Ginzburg, Letizia Tedeschi e Vitale Zanchettin. Nello sviluppo storico del cantiere cinquecentesco architettura e decorazione costituiscono un imprescindibile binomio, due aspetti complementari non soltanto dal punto di vista materiale. A Roma nel corso del XVI secolo tale interazione diventa dominante e assume caratteri nuovi: la pluralità di competenze, prevista fin dalle prime fasi progettuali, e la collaborazione...

Exposition : « Giulio Romano: Arte e Desiderio », Mantoue – Palazzo Te, du 6 octobre 2019 au 6 janvier 2020

Palazzo Te torna a celebrare, a distanza di trent’anni dalla grande monografica del 1989, il genio di Giulio Romano con la mostra Giulio Romano: Arte e Desiderio, dal 6 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020. L’esposizione, a cura di Barbara Furlotti, Guido Rebecchini e Linda Wolk-Simon, è parte integrante del programma di mostre ed eventi Giulio Romano è Palazzo Te (settembre 2019 – giugno 2020), promosso dalla Fondazione Palazzo Te e dal Comune di Mantova,...

Exposition : « ‘Con nuova e stravagante maniera’. Giulio Romano a Mantova », Mantoue – Palazzo Ducale, du 6 octobre 2019 au 6 janvier 2020

La mostra a Palazzo Ducale su Giulio Romano è un evento culturale di rilievo, che presenta la grande personalità dell’erede e allievo più celebre di Raffaello Sanzio. Rappresentante del Manierismo, Giulio Romano ha lasciato a Mantova testimonianze straordinarie della sua abilità come architetto e pittore. “Con nuova e stravagante maniera”, in collaborazione con il Louvre, rappresenta un’importante opportunità per la città di farsi conoscere anche a livello internazionale. UNA GRANDE MOSTRA RIPORTA A MANTOVA GIULIO...

Exposition : « Il Cinquecento a Polirone. Da Correggio a Giulio Romano », San Benedetto Po – Ex-Refettorio Monastico e Basilica, du 14 septembre 2019 au 6 janvier 2020

Tra i molti eventi germogliati dalla grande mostra « Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova » di Palazzo Ducale, l’esposizione di San Benedetto Po merita un posto speciale. Il grande complesso monastico, nato nel 1007 su impulso di Tedaldo di Canossa e oggi fulcro culturale e turistico del piccolo comune, rappresenta una straordinaria eccellenza incastonata in uno dei tanti splendidi borghi italiani ricchi di arte e storia. La mostra « Il Cinquecento a Polirone. Da...

Présentation d’ouvrage : Francesco Fratta de Tomas, Soffitti lignei in Friuli fra Medioevo e Rinascimento, Cividale del Friuli, le 3 juillet, 18h

In occasione della Mostra Sia to chasa spechio del spirito. Abitare in Friuli nel Quattrocento (Cividale del Friuli, Palazzo de Nordis, 15 giugno-7 luglio 2019) e nell’ambito delle attività legate al Convegno internazionale Cieli dipinti. Soffitti lignei nell’Europa meridionale fra Medioevo e Rinascimento (Udine e Cividale del Friuli, 8-10 novembre 2019), promossi dal Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università degli studi di Udine, verra presentato il volume di Francesco Fratta de Tomas,...

Colloque : « Circolazione, scambi e modelli: gli scultori a Roma nella seconda metà del Cinquecento » 21-22 mars 2019

Colloque : « Circolazione, scambi e modelli: gli scultori a Roma nella seconda metà del Cinquecento » (Rome, Accademia Nazionale di San Luca et Fondazione Camillo Caetani, 21-22 mars 2019) Comitato scientifico: Giovanna Sapori (Università degli studi Roma Tre), Paola Di Giammaria (Musei Vaticani), Grégoire Extermann (Université di Genève), Livia Nocchi (dottore di ricerca), Giovanna Ioele (borsista, Fondazione Camillo Caetani), Tancredi Farina (SABAP Città dell’Aquila e Comuni del Cratere), Fernando Loffredo (New York University, The...

Parution : Valentina Sapienza, « La chiesa di San Zulian a Venezia nel Cinquecento. Dalla ricostruzione sansoviniana alle grandi imprese decorative di fine secolo », Rome, École française de Rome, 2018.

La chiesa di San Zulian sorge a pochi passi da piazza San Marco forse già nel lontano IX secolo. Interamente ricostruita dopo il 1105, quando un incendio l’aveva letteralmente devastata, l’edificio è di nuovo in rovina nel 1553. Interviene allora il celebre medico Tommaso Rangone da Ravenna, in cerca di un luogo – un altro – che potesse perpetuarne la memoria presso i posteri. Grazie alle ingenti donazioni messe a disposizione dal generoso finanziatore, cui...